martedì 31 gennaio 2012

I Whites Stripes sono morti, Jack White invece no.


E che l'ex Frontman dei White Stripes non fosse fuori dal mercato discografico, lo sapevamo da tempo: The Raconteurs e Dead Wheater sono due supergruppi pienamente in attività e di buon successo con cui ha proseguito la sua attività discografica, prendendosi partner importanti come Alison dei The Kills e Brendan Brenson.
Che però avesse in mente anche di mantenere il proprio nome per un progetto solista, un pò sorprende ma fa più che piacere.
Così, veniamo a sapere che il 23 Aprile uscirà sul mercato Blunderbuss, di cui non abbiamo una scaletta ancora ma che sicuramente ci daranno una visione personale di uno dei più importanti musicisti di questi anni.
Intanto, possiamo ascoltare un primo pezzo, Love Interruption, breve pezzo voce, chitarra e forse clarinetto (se ne dibatte anche nei commenti su youtube) e il controcanto di Ruby Amanfu, cantautrice del Tennessee.
Un ottimo antipasto...

7 commenti:

  1. grandi i white stripes, sono inglesi vero? Senti pelatone, c'hai scassato la minchia per mesi coi black keys, sei andato a vederli a milano? vogliamo il report del negoziante

    RispondiElimina
  2. Due articoli, uno per il primo singolo e uno per l'album, non sono propriamente scassare la minchia.
    Detto questo, mi spiace, non sono potuto andare, ho un lavoro e una vita, a questo non riuscivo, complice il sold out troppo prematuro anche.

    RispondiElimina
  3. i biglietti sono stati messi in vendita a inizio settembre e il concerto è andato sold out a metà novembre. il mio modesto parere è che se un gruppo interessa e si scrivono post lagnosi sulle band che non vengono mai in italia e blablabla e poi se li lascia sfuggire così è perchè si è sfigati. e basta

    RispondiElimina
  4. Faccio un lavoro con turnistica, ho settimane in cui NON HO TURNO fino alla settimana prima. Essendoci tre ore di macchina circa da qui a Milano, NON POSSO andarci se faccio un turno pomeriggio,che finisce alle 21, nè ovviamente se faccio la notte.
    Non spendo quindi soldi, in certi casi, se non ho il turno poichè potrebbero benissimo cambiarmelo o impostarmelo in modo in cui non vada.
    Infine, non devo certo spiegare a te queste cose e ti rispondo perchè cerco di essere gentile ma ti avviso: se si passa alle offese, come il dare degli sfigati, ti cancello ogni messaggio e basta.
    Che come ben sai, non meriteresti, chiunque tu sia (l'unico che non si è mai nemmeno firmato con un nick in questo blog) nemmeno una risposta.

    RispondiElimina
  5. boh, io lavoro come qualsiasi altra persona, ho chiesto un permesso con tre mesi di anticipo, non ho avuto problemi. il fatto caro mio è che alla fine non te ne fregava un cazzo...o no? che per i radiohead magari ti fai quattro date di fila e ti tocchi tutte le notti pensandoci

    RispondiElimina
  6. Lavoro in ospedale, mi spiace, non esistono permessi per lavoro.
    Radiohead, solo una data.

    RispondiElimina
  7. ...ma come "forse clarinetto"?????

    Si tratta di un clarinetto basso!!!

    RispondiElimina

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...