giovedì 12 gennaio 2012

Gotye - Fanfarlo: i nostri prossimi pezzi preferiti.


Ora, Gotye è un musicista australiano piuttosto eclettico e attivo da parecchio tempo, musicalmente vicino a Beck (ovvero: attitudini presenti ma a 360gradi, perchè inquadrare Beck non è così semplice).
Un paio di mesi fa è uscito il suo ultimo album, Making Mirrors, che con calma recensiremo ma che ha soprattutto una caratteristica: è più il pezzo pop della settimana mese.
Un duetto su una melodia irresistibile in crescendo e una non indifferente storia di un rapporto finito male e della recriminazione che ne segue (You can get addicted to a certain kind of sadness/
Like resignation to the end/Always the end/So when we found that we could not make sense/Well you said that we would still be friends/But I’ll admit that I was glad that it was over).




Non meno irresistibili sono i Fanfarlo.
Per chi non avesse il piacere di conoscerli, possiamo considerarli la risposta londinese agli Arcade Fire, condividendone l'approccio musicale ma con un velo di spensieratezza in più, tralasciando spesso quella epicità diffusa ma rimanendo nei suoni che avevano caratterizzato Funeral, primo seminale (si può ben dirlo) album dei Canadesi.
Sono passati ormai tre anni dal piacevolissimo esordio (Reservoir) ed è stato rilasciato il primo estratto dal nuovo album, Shiny Thing.
Che alza l'asticella un pò, staccandosi dal nome già citato con un delizioso pezzo vicino ai Postal Service (li conoscete vero?) e dando soddisfazione a chi ci aveva creduto sin dall'inizio.
Sotto il video.

1 commento:

[Live Report] Home Festival - Giorno 1 - 31/8

Non è nemmeno, spero, necessario l'abusato discorso che potremmo riassumere in festival/italia/mondo. Ovvero: siamo una rara anom...