Ascolti: The Rapture - In The Grace of Your Love


Non è frequente che un movimento musicale così sotto l'occho di tutti retroceda in poco tempo dalle attenzioni delle riviste.
Non che il movimento Dfa si sia sciolto, lo è solo il capostipite, quell'Lcd Soundsystem che pure che cambiato tante carte in tavola in questi anni (e ha fatto benissimo a chiudere se lo riteneva necessario), ma l'attenzione che hanno i vari progetti Rapture, Hercules And Love Affair, Shit Robot è sicuramente minore di qualche tempo fa.
Così come le nuove leve, Yacht e Holy Ghost hanno fatto si parlare negli scorsi meno ma meno di quella stagione in cui pareva che il mondo viaggiasse su quelle frequenze.
Però sono vivi.
Ad esempio sono vivissimi i the Rapture.
Dopo l'ottimo e seminale Echoes del 2003 e il meno buono Pieces of The People We love, tornano con In the Grace of Your Love, undici brani per 50 minuti di ottima musica.
Se già il primo singolo "How Deep is your love?" aveva ben impressionato, con una bella produzione e un brano meno"folle" ed urlato dei vari singoloni di Echoes, si conferma tutta l'eleganza di un album ben scritto e ben suonato, forse un pò appiattito rispetto al passato ma molto più vicino a realtà come Hot Chip e Metronomy che sembrano segnare l'attuale tendenza dell'elettronica, divisa tra la frangia dubstep e questa elettronica più vicina agli anni ottanta e a suoni meno ballabili (il ritmo è spesso a medio livello) ma ottimi da ascoltare.
Non è più il tempo dei Justice, insomma.
Livello generale buono, belle in particolare la traccia che dà il titolo all'album, il già citato singolo How deep is Your Love e Sail Away.
The Rapture, "How Deep Is Your Love" by The FADER

Commenti

Post popolari in questo blog

I Cani

[Live Report] Le Luci Della Centrale Elettrica + Colombre @ Ferrara Sotto le Stelle

[Live Report] Radiohead + James Blake + Junun