Feist, una di noi.


Come spesso accade, siamo in Canada.
Come spesso accade, si parla di buona musica, piena di ispirazione e sentimento, soprattutto.
Sta per tornare Feist, infatti, che se per la maggior parte di voi/noi esista dal 2007 (1 2 3 4 e il suo coloratissimo video , usato tra gli altri per presentare, ricordo, una generazione di Ipod, qualche tempo prima di Iphone, Smartphone e quant'altro) la ragazza canadese è in realtà attiva per tutti gli anni novanta e con il primo album importante dal 2003, con Let It Die.
Questa volta non c'è solo la critica ad attenderla ma anche un pubblico ben più vasto, per questa brillante autrice capace di scrivere i pezzi più solari e pop quanto per influenze jazz e non solo, mettendosi di fianco ma non certo sulla stessa linea di tutta una serie di giovani donne autrici e debitrici del passato (la ormai defunta Winehouse, come la sprecatissima Joss Stone).
Feist sembra avere qualcosa in più.
Per ora possiamo sentire il primo estratto "How Come You Go Never There"bella e languida nella sua sensualità da ballata lenta.
Bel pezzo, aspettiamo ancora qualche settimana per il disco...

How Come You Never Go There by Feist

Commenti

Post popolari in questo blog

I Cani

[Live Report] Le Luci Della Centrale Elettrica + Colombre @ Ferrara Sotto le Stelle

[Live Report] Radiohead + James Blake + Junun