sabato 25 agosto 2012

Ascolti: Yeasayer - Fragrant World


E' tempo di New York.
E che arrivino negli stessi giorni o quasi i nuovi dischi di Animal Collective (ne parliamo presto) e Yeasayer è in qualche modo strano.
Perchè i due gruppi, da partenze diverse, hanno finito per sviluppare un discorso simile ed è innegabile che il (molto buono) Odd Blood degli Yeasayer fosse una specie di versione meno psichedelica e più pop e ritmata dei suoni di Merriwheater Post Pavillion.
E lo dico in senso positivo.
Due anni dopo, il quintetto si presenta con questo Fragrant World fresco per la nuova stagione musicale che, si sa, inizia come la scuola, a settembre.
Giusto dire che se avessi scritto un'impressione sul disco dopo i primi ascolti, ne avrei parlato peggio di quello che sto per fare.
Invece Fragrant World è un disco che esce alla distanza.
Intanto, da buttare subito l'ascolto disinteressato e quanto possibile su cassettine del portatile o via youtube.
E' un disco pulsante, che viaggia sempre o quasi a media velocità, che richiede qualità nella riproduzione.
E cresce piano piano: inizia con questa Fingers Never Bleed che sembra un pezzo innocuo finchè non senti di volerlo riascoltare ancora e ancora.
Una suadente Longevity e poi la parte centrale del disco, con la già conosciuta Henrietta e la più che bella Devil And The Deed che sembra un disco soul del 2020, completamente nuova e già capace di suonare come un classico.
Certo, c'è da perdonare una Reagan's Skeleton, un pò troppo radiofonica e anni ottanta (probabilmente quindi farà la fortuna del gruppo, magari con un bel remix) e una seconda parte lievemente meno a fuoco ma ascolto dopo rimane un concetto semplice: Fragrant World si ascolta bene, fa venire voglia di alzare il volume, è prodotto in maniera ottima e non perde quasi mai di vista l'obiettivo, cioè intrattenere.
Da tenere in mente questo concetto riguardo al disco degli Animal Collective di cui parleremo.
Insomma, bene così e al prossimo disco ci sarebbe spazio per il grande disco, cari Yeasayer.

Yeasayer - "Henrietta" by Secretly Canadian

Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...