Report Live - Dente @ Estragon, Bologna.


Dente all'Estragon.
Dente che diventa grande, rimanendo Dente.
Sono queste le parole chiave della storia di questa sera, mentre affrontiamo squarci di nebbia per andare a sentire il cantautore di Fidenza alla sua prima volta nel grande locale bolognese.
Una data che poteva sembrare quasi rischiosa (l'Estragon pieno tiene più di quattromila persone) e invece complice un biglietto popolare, una capienza in parte ridotta e soprattutto un disco (Io Tra di Noi) che lo ha definitivamente sdoganato anche in ambienti più ampi di quelli del sottobosco musicale italiano ci si ritrova tra le prime file a guardare il locale riempirisi sempre più, superando ad occhio senza problemi le mille presenze.
Fa strano ma è tutto meritato.
Dente entra in scena verso le undici, accompagnato da tre elementi (tastiere, basso, batteria) per una scaletta di una ventina di brani, quasi tutto l'ultimo album ma senza dimentare alcune chicche del passato.
Ultimo album che suona decisamente bene, sicuramente più maturo negli arrangiamenti, non solo sui pezzi nuovi, ad esempio con una "Quel Mazzolino" rivisitata al doppio della velocità.
Pubblico molto giovane con cui si crea piano piano quel senso di intimità solito ai concerti di Dente.
Che, diciamolo, riesce al meglio in luoghi piccoli e meno dispersivi, perchè uno dei maggiori motivi per vedere un concerto di questo artista è l'annullamento della distanza cantante-pubblico: si dialoga, si scherza, si parla di scalette, con tanto umorismo.
E tra raffreddore e grandezza del locale all'inizio questo non succede molto, ed è un peccato.
Per fortuna col passare del tempo tutto migliora e si ritorna alla vecchia verve.
Bene,molto, la parte musicale: Scanto di Sirene che si fonde nel finale di Rette Parallele intonata da tutto il pubblico è già un mezzo classico e Beato Me / Vieni a Vivere nel finale sono un piacere da ascoltare.
Insomma, tutto promosso e tutto bello: la leggerezza e quel velo di malinconia della sua proposta musicale reggono anche questo palcoscenico più ampio e ormai è tutto in discesa.
Buona fortuna, speriamo tutto diventi ancora più grande con la stessa umiltà di fondo.
Ma tra disco e live, promosso Dente, ancora una volta.

Commenti

Post popolari in questo blog

I Cani

[Live Report] Le Luci Della Centrale Elettrica + Colombre @ Ferrara Sotto le Stelle

[Live Report] Radiohead + James Blake + Junun