sabato 15 ottobre 2011

Giovani poco giovani

Sono in piazza a Bologna. Una visita al recentissimo Apple Store, nelle cuffie il nuovo album di Dente di cui parleremo presto, connessione in 3G. L 'idea e ' che sia siamo ormai digitali, pure nella bistrattata italia. Siamo sul treno anche se in bilico. Una cosa pero ' mi piace meno. Girare in molti negozi di dischi. Vedere giovani con le maglie dei Nirvana. Dischi dei Pink Floid in nuove edizioni. Io dico basta. Basta a giovani esaltati per i Joy Division, Pearl Jam,  gente di vent 'anni che nei dj set balla solo i Cure. Non ci stiamo piu ' costruendo ricordi musicali. Ogni generazione ha i suoi ricordi piu ' o meno colletivi. Tranne la mia,  la nostra. Se tra dieci anni nomineremo gli Arcade Fire o i Kasabian o i National quasi.nessuno ne sapra ' niente. Non parliamo di gente  meno famosa. Non mi sta bene ma c 'e ' poco da fare. Ad ogni dj set,  conversazione musicale la trama e ' la stessa. Per questo un po '  ci provo con questo blog, anche se alla fine e' spesso un parlare tra persone dello stesso mondo, senza coinvolgere molto il resto delle persone. Ma va bene. Domani si riparte parlando di Italia e di questo Io Tra di Noi.

2 commenti:

  1. Grazie per il commento costruttivo, continua a leggere il blog :-)

    RispondiElimina

[Live Report] Home Festival - Giorno 1 - 31/8

Non è nemmeno, spero, necessario l'abusato discorso che potremmo riassumere in festival/italia/mondo. Ovvero: siamo una rara anom...