giovedì 28 aprile 2011

Suoni, trip, incastri, geometrie.

C'erano i Battles, il Math-Rock, i Foals (sottovalutati, ricordatevelo).
E poi c'è lui, da oggi.
Otomata.
Trattasi di sequencer di note.
Impossibile non perderci ore, e non ringraziatemi.

Voglio entrare anche io nel trip e clicco qui

Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...