martedì 6 settembre 2011

Il Mistero Justice


C'è qualcosa di strano nella vicenda Justice.
Qualche importante remix (in particolare nel 2003 Never Be Alone, remix dei Simian passato alla storia), alcuni ep di anticipazione (2005-2006) e un album, Cross, nel 2007 capace di fare il botto.
Ma non un botto qualsiasi: ha imperversato ovunque.
Sedotto amanti dell'elettronica quanto indierockers quanto chiunque avesse voglia di ballare.
Un album con fortissime influenze di musica classica, un album molto suonato (vedi Let There be Light, fondamentalmente scritta con una struttra basso/batteria), l'azzeccatissimo video di D.A.N.C.E. hanno dato vita ad un istant classic arrivato esattamente nel momento perfetto, poco dopo la rivoluzione Dfa, con l'occhio di molti attento alla nuova scena elettronica e ha portato con se fratelli quali Digitalism e Boiz Noize.
Chi scrive ha anche avuto il piacere di vedere un loro live, al Vox di Nonantola, preso esattamente nel momento buono per poter stare dentro ad un locale di 1000-2000 persone, prima della fama mondiale ma già pieno di carica: fu una esperienza incredibile, le canzoni frullate su loro stesse, il pubblico nell'incontenibile ritornello di Never Be Alone, il finale con i Metallica.
Un solo dj set, in fondo, con la postazione illuminata dalla croce simbolo del gruppo francese ma capace di fare una  grande attitudine rock.
Ora siamo a fine 2011.
Passati quattro anni, tour mondiali con cachet da capogiro, un lungo silenzio (e un album/dvd live) dal titolo "Audio, Video, Disco."
Eppure sembra semplicemente che sia passato tutto.
Poca attenzione in giro.
Il pezzo, da ascoltare sotto, dopo il già non indimenticabile Civilization di qualche mese fa, non dice nulla di che, assolutamente anonimo e soprattutto lontano dalla forza poderosa dei singoli dell'album precedenti.
Sara stato dunque tutto un grande fuoco destinato a spegnersi in velocità?
Nell'attesa di saperlo, ecco la traccia che dà il titolo all'album...

Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...