martedì 14 febbraio 2012

Tornano gli Offlaga Disco Pax: ecco il primo singolo



Non è facile essere gli Offlaga Disco Pax.
Perchè è il caso di una band nata per caso, di un cantante-non-cantante che non sapeva nemmeno che sarebbe arrivato a questa carriera (e non ci è certo arrivato presto).
Perchè il gruppo si è creato una identità fortissima sin da subito, con quel primo album, Socialismo Tascabile, fatto di racconti di un tempo ormai finito, lasciando l'immagine di una band prettamente "letteraria", non nel senso che a mancare sia la musica (con idee magari non originalissime ma spesso interessanti) ma che siano le parole sopra a tutto, con i testi di Collini a stamparsi nella mente durante l'ascolto.
E il problema è che album dopo album pubblico e critica non accetteranno (come nel caso di Vasco Brondi) la continuazione di questo percorso senza nessuna svolta o crescita o cambiamento.
Così, arriviamo ad oggi, qualche settimana prima dell'uscita dell'album con il primo estratto rilasciato.
Che, diciamolo, non è speciale (come non lo era Ventrale, dal secondo album) ma non senza dimenticare il poco senso di questa affermazione:  gli Offlaga Disco Pax non sono e non possono essere un gruppo da singolo, richiedono l'ascolto dell'intero album, delle tematiche affrontate.
Sembra quasi che il pezzo, Parlo da Solo, con una componente elettronica in sottofondo che ricorda il minitour fatto con strumenti Casio, sia un piccolo manifesto, con un testo minimale che ripete spesso il titolo e  si chiude con "parlo da solo mentre mi guardo passare", quasi a dirci come stavolta non si tratti di una declamazione al pubblico (quel "lunghi monologhi, sempre gli stessi" si riferisce forse ai lunghi tour?) ma di uno sguardo più introspettivo ("ti ho risparmiato tutte queste parole"), cambiato nell'approccio.
Ma sono supposizioni, lo scopriremo presto.
A questa pagina il brano in ascolto.

Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...