Ascolti: Alabama Shakes - Boys&Girls


La cosa che maggiormente mi chiedo è perchè si parli di nuovi Kings of Leon, ascoltando questi chiaccherati Alabama Shakes.
Che per chi non lo sapesse sono un quartetto dell'Alabama (chi l'avrebbe mai detto...) di giovane età, con una brillantissima ventiduenne alla voce, tale Brittany Howard, dotata di una clamorosa vocalità che riporta direttamente agli anni d'oro della Motown.
Ed escono in questi giorni con l'album d'esordio, sotto anche all'ala protettica di quel Jack White di cui parlavamo pochi giorni fa e che se li porta anche in tour come apertura.
A me, più che i Kings of Leon (udibili solo in parte nel singolo iniziale) la proposta musicale del gruppo pare guardare alle atmosfere perfettamente racchiuse nella colonna sonora di The Boat That Rock (in Italia I Love Radio Rock, carinissimo film sulla nascita delle radio pirata nella seconda metà degli anni sessanta).
Così se Hold On ci introduce al disco con il suo riff in sottofondo, le altre tracce ci portano tra soul, blues e rock, a velocità spesso medio-bassa.
La qualità è invece medio-alta, anche se a volte sembra mancare quel qualcosa in più.
Ma poi si guarda un video e viene semplice capire che siamo di fronte ad un gruppo che è sulla bocca di molti per motivi poco chiari, nel senso che non c'è hype e non c'è estetica, non c'è marketing ma solo un progetto misteriosamente genuino e sincero, di chi apprezza un certo suono vintage e con la fortuna di una voce che salva ogni momento, anche le lente ballate come la traccia che dà il titolo al disco.
Così, sapendo cosa vi aspetta, decidete voi se entrare in questo disco: come ne parleranno interessa poco, la stoffa c'è, il futuro vero similmente non sarà quello dei grandi palcoscenici, ma a chi importa poi?

Alabama Shakes - Hold On by ATO Records

Commenti

Post popolari in questo blog

I Cani

[Live Report] Le Luci Della Centrale Elettrica + Colombre @ Ferrara Sotto le Stelle

[Live Report] Radiohead + James Blake + Junun