domenica 9 settembre 2012

Ascolti: Animal Collective - Centipiede Hz


Primo assunto: trovo gli Animal Collective sopravvalutati.
Un assunto necessario per inquadrare questa opinione sul nuovo lavoro della formazione americana, che conta su una produzione sterminata, pur avendo esordito solo nel 200 (si parla di una decina di album, progetti solisti, collaborazioni e altro, superando abbondantemente la decina come somma totale).
Quindi chi scrive non fa parte di quella corrente di "impazzimento collettivo" per le prove di questa band, sospesa tra sperimentazione, rock, elettronica, venature folk e soprattutto tantissima ricerca sonora.
E' però vero, incontestabile, che il precedente Merriwheater Post Pavillion i suoi numeri ce li aveva: My Girls - Summertime Clothes - Brothersport erano un trio di ottima fattura.
Insomma, la speranza c'era.
Invece l'impressione finale di questo Centipiede Hz è quella di un disegno con così tanti colori e tratti che riesce difficile scorgerci qualcosa di compiuto.
E intendiamoci, non è che si voglia chiedere al gruppo di arrivare una forma pop.
Per niente.
Anzi, apprezzabilissimo il sempre costante tentativo di trovare nuove strade.
Però che l'album sia confuso, infine, è proprio vero.
Partiamo dalle cose buone: Today's Supernatural, una specie di Mgmt in acido, è brillante.
L'energia, poi di Monkeys Riches (che se durasse la metà sarebbe un piccolo gioiello.
Però il resto poi si trascina stancamente, pur pieno di energia: New Town Burnout, ad esempio o Applesauce.
Se il gruppo nella prova precedente aveva dato l'impressione di essere coeso e riuscire a sintetizzare i concetti, per buona parte dell'album, in maniera buona, questa volta invece non ci riesce.
E così si ritorna al punto iniziale.
Difficile pensare che siano davvero gli Animal Collective il punto di riferimento di una scena musicale.
Secondo me sono interessanti sperimentatori con occasionali lampi di brillantezza.
Un pò come questo disco, che ruota intorno alla sufficienza in maniera vorticosa.

Animal Collective - Today's Supernatural by Gonzalo Marín

Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Home Festival - Giorno 1 - 31/8

Non è nemmeno, spero, necessario l'abusato discorso che potremmo riassumere in festival/italia/mondo. Ovvero: siamo una rara anom...