martedì 27 marzo 2012

Ascolti: Offlaga Disco Pax - Gioco di Società


Cosa vuoi scrivere del terzo disco degli Offlaga Disco Pax?
Un culto ormai destinato ad allargarsi quanto possibile, per poi finire la sua corsa in un pubblico non certo piccolo (anzi) ma che non si allargherà più.
Non è un difetto, davvero.
Perchè la band prosegue, coerente a sè stessa, nel percorso tutto personale di un gruppo nato per caso, di un cantante-non-cantante per caso, dall'idea di musicare testi di nostalgia e di tempo passati, dando alla luce quel Socialismo Tascabile che è uno dei dischi più importanti del decennio scorso, in Italia.
E poi Bachelite, ambizioso seguito, stessa formula ma più intensità, la nostalgia diventa anche un modo di guardare all'oggi, con quella Sensibile che è un manifesto buono per lo sdegno che ci accompagna tutti i giorni.
Ora, 2012, Gioco di Società.
Ne voglio scrivere dopo solo alcuni ascolti, prima che le storie narrate diventino quotidianità, nella maniera più onesta possibile.
Ed è un gran bel disco, che piacerà a chi piacevano, non piacerà a chi li malsopportava.
E dire che di novità ce ne sono, a livello musicale il tour suonato con le tastiere casio ha lasciato il segno ed ora c'è (molto più di prima) tanta elettronica nei brani degli Offlaga, suoni che si dissolvono, note che incrociano le parole, in molti casi (non tutti) l'idea è proprio quella di un tappeto sonoro, che segua le parole, allontanandosi (se mai vi si era avvicinato) ancora di più dalla forma canzone classica.
E poi i testi: un pò più di racconto questa volta, meno ironia, meno nostalgia, le consuete digressioni sportive (Tulipani, storia di un'epica giornata al Giro d'Italia) o politiche (Piccola Storia Ultras che nasce da un coro di Ultras per finire a riassumere fondamentalmente la storia di Gheddafi visto dal punto di vista della politica Italiana).
Insomma: Gioco di Società è a tratti bello, a tratti bellissimo, non aggiunge niente ma conferma tutto.
E quindi, a seconda del vostro giudizio sulla band, ci siamo già detti tutto così.

Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...