Ascolti: Fanfarlo - Rooms Filled With Light


Rooms Filled With Light suona come un terzo disco.
E invece è il secondo dei Fanfarlo, diventati un piccolo caso nel 2009, quando con Reservoir parevano essere una sorta di risposta europea agli Arcade Fire, ricalcandone parecchie idee e suoni (in particolare qualcosa da Funeral) ma rileggendoli in maniera personale e con qualche pezzo più che buono.
Suona come un terzo disco perchè si discosta in maniera importante dal primo, in un'epoca (chi ha detto Editors?) in cui abbiamo visto parecchi gruppi salire agli allori con un bel debutto, un secondo album simile e un terzo di cambiamento, è un bel merito avere il coraggio di spostarsi, almeno in parte da ciò che era già stato fatto.
Problema: funziona a metà.
Interessante la prova di pop barocco che apre il disco (Replicate) seguito da Deconstrution, serenissima e estiva prova di capacità melodiche (che sembra uscire dagli ultimi Noah And The Whale).
E soprattutto funziona (ne avevamo già parlato) il singolo Shiny Things, venato di elettronica e con un irresistibile finale tra violini e una batteria più che incisiva.
Però: però.
Tunguska è un lento che sembra appartenere poco alla band, Lenslife ha alcuni suoni che fanno storcere il naso.
Insomma: la seconda parte del disco cala non poco.
E soprattutto, a parte il già citato singolo, rimane in mano un pugno di canzoni abbastanza innocue quando pure (succederà) le attenzioni della stampa porteranno il gruppo parecchio più in alto.
Diciamo che apprezziamo il coraggio del cambiamento, ci teniamo quel che c'è di buono e attendiamo il disco della maturità.

Commenti

Post popolari in questo blog

I Cani

[Live Report] Le Luci Della Centrale Elettrica + Colombre @ Ferrara Sotto le Stelle

[Live Report] Radiohead + James Blake + Junun