lunedì 19 novembre 2012

Ascolti: Crystal Castles - III


Giusto chiarirlo: i Crystal Castles sono fuori tempo massimo.
Non è più il loro momento, non siamo in quegli anni dove elettronica e rock si coniugavano nelle classifiche, dove la loro proposta di una elettronica lo-fi a 8 bit (una definizione abbastanza poco sensata ma necessaria) e l'estetica particolare avevano portato il duo di Toronto in cima all'hype.
Giusto dire all'hype perchè se si guarda la sintesi su Wikipedia, a parte il singolo con Robert Smith (Not In Love) nelle classifiche sono apparsi raramente.
Eppure quanto se n'è parlato.
E quanto di Alice Glass, performer e voce femminile del gruppo capace per un fugace momento (tra il primo e il secondo album) di essere una delle voci più cool del mondo indipendente.

Tutto per arrivare al punto in cui è giusto rendersi conto che di questo disco se ne parlerà davvero poco.
Eppure è probabilmente il migliore disco dei Crystal Castles.
Manca il singolo, inutile dirlo (anche si Violent Youth scorre che è un piacere).
E in certo qual modo mancano pure i Crystal Castles, nel senso che del suono a 8bit rimane pochissimo, solo accenni.
Però ha i suoi momenti e una grande coerenza di fondo.
III è una specie di disco horror, inutile negarlo.
Saranno le immagini del clip di Plague, sarà la voce della Glass sempre più lontana, trasfigurata, aliena.
Sarà che è abbastanza impensabile di ascoltare spesso, di giorno, questo disco.
Però la sera, se si è in vena di suggestioni pesanti.
Se si vuole un disco in cuffia con ritmiche abbastanza elevate, suoni che si accavallano, melodie che sfuggono eppure ci soo sotto altre linee sonore, ecco allora questo è III.
Ha il suo fascino, un fascino particolare che può piacere solo se cercate proprio quello di fascino.
III è come quella ragazza che si veste sempre di nero, solitaria, inaccessibile e che in fondo fino ad ora aveva fatto parlare di sè ma senza farsi mai piacere: ora invece è diventata un pò più grande e quando nessuno ne parla più rivela finalmente i suoi lati più interessanti.

CRYSTAL CASTLES - VIOLENT YOUTH by ppatricide

Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...