mercoledì 23 novembre 2011

Ascolti, Calexico e dubbi.


Dunque.
E' difficile stare dietro alle cose.
Uno gira quotidianamente webzine e blog alla ricerca di novità, informazioni.
Un flusso incontrollabile con confini entro cui scegliere, ascoltare, valutare.
Questo è un pò il lavoro di questo blog.
Così, oggi, trovo da qualche parte un link ad uno streaming di qualcosa di nuovo dei Calexico.
Gruppo che apprezzo parecchio ma che ho conosciuto con gli anni, altro modo di dire che ancora non ho avuto modo di ascoltare tutta la discografia.
Sapendo che l'ultimo album da studio risale a tempo fa (2008, nel mezzo due colonne sonore) mi rallegro, eppure vedo che non se ne parla quasi da nessuna parte.
Nemmeno su wikipedia.
Insomma, cosa succede?
Non è un album di studio, in sostanza.
Questo è il fatto: i Calexico hanno fatto un pò il punto della situazione, pubblicando in poco più di mille copie una serie di vinili autoregistrati che coprono il periodo 1998-2011, risalenti ai vari tour della band.
Insomma, una specie di opera omnia live (12 vinili più mp3 vari).
Che, e torniamo a ciò che ho nelle orecchie, si riassume anche in un cd "Selections From Road Atlas- 1998-2011"
E che suona semplicemente in maniera strepitosa.
Io non ho avuto la fortuna di vederli live per il momento, ma questo è un grandissimo album live di una grande band.
Da ascoltare qui

6 commenti:

  1. chi non perde tempo con merdine di mtv come gli arctic monkeys e pete doherty già li conosce da 15 anni e li ha visti dal vivo più di una volta

    RispondiElimina
  2. che magari nel 2022 scoprirai i giant sand

    RispondiElimina
  3. Se tu avessi letto ( l'hai fatto?) non vedo dove ci sia scritto che ho scoperto ora i Calexico. Ho parlato di difficoltà a capire inizialmente cosa fosse questa uscita, tanto che se ne parlava pochissimo sul web, anche a livello internazionale.
    I Calexico si sono formati nel 1996, io avevo 11 anni, ovvio che non li ho vissuti tutti ma mi ci sono avvicinato con Feast On Wire, anno 2003, miei 18 anni, direi che va bene.
    E ho scritto che si, non conosco tutta la loro discografia iniziale ma è pure normale e con il tempo la recupererò, c'è sempre roba da ascoltare.
    Quindi, di cosa stiamo parlando? Stiamo facendo i soliti commenti da indie-forum in cui esprimiamo le nostre frustazione o i problemi del proprio ego, in sostanza per dire "cioè bello, tu parli dei calexico ma io conosco altri dieci gruppi migliori che ascolto da quando tu andavi alle elementari e che sono talmente sconosciuti che nemmeno le loro mogli sanno che hanno un gruppo"?
    Stiamo facendo questo?
    Questo blog, senza pretesa di autorevolezza, vuol parlare di buona musica.
    I Calexico lo sono? Secondo me, si.
    Quindi ne parlo punto.
    Per le proprie frustrazioni da sfogare ci sono parecchi altri blog di caratura immagino migliore, anzi sicuramente, che qui sono solo righe di un appassionato e non certo commenti retribuiti di esperti o stampa specializzata.

    RispondiElimina
  4. Ciao Thyo, secondo me dovresti smettere di rispondere a chi rimane anonimo nei commenti! È una questione di principio, anzi, di rispetto.
    Saluti, e complimenti per il tuo blog.
    Jeff

    RispondiElimina
  5. Probabilmente si ma poi mi viene naturale provare a rispondere e sperare che qualche concetto semplice passi :-)
    Grazie comunque :-)

    RispondiElimina

[Live Report] Home Festival - Giorno 1 - 31/8

Non è nemmeno, spero, necessario l'abusato discorso che potremmo riassumere in festival/italia/mondo. Ovvero: siamo una rara anom...