martedì 4 marzo 2014

[Live Report] Fanfarlo @ Lokomotiv, Bologna

Non è un lunedì normale, al Lokomotiv.
Una discreta folla (ma non un sold-out) si presenta nel locale bolognese per assistere alla prima data del minitour italiano dei Fanfarlo, giunti da poco al terzo album.
Disco, per inciso (non ne scriveremo dunque una recensione per non ripeterci)che convince una volta di più, mantenendo l'asticella fissata sul più che gradevole e mostrando una band che difficilmente potrà allargare il proprio pubblico dalla moderata nicchia ma che dimostra ancora di essere ben in grado di scrivere piccoli gioiellini pop.
Che su disco come live si giovano della presenza di violino e tromba ad allargare il classico spettro sonoro delle rock band.

Poco prima di loro, salgono sul palco le Lilies On Mars, duo italiano trapiantato a Londra di discreto interesse: una proposta shoegaze, due voci gradevoli, atmosfere in qualche modo gotiche ed ossessive, una certa sicurezza sul palco. Non male, insomma.


Ma intorno alle undici è tempo dei Fanfarlo: formazione a cinque di cui entro breve si impara ad apprezzare, tra tutti, Valentina Magaletti, sorridente quanto energica e precisa alla batteria.
Ed energica è tutta la band, divertita e divertente, a spaziare lungo i tre album di una carriera ormai più che dignitosa.
I brani nuovi non sfigurano: Life In The Sky in apertura e Landlocked in chiusura (tra i brani più accessibili e con un discreto gusto anni ottanta) rinchiudono un'ora e mezza di concerto che ripropone in maniera eccellente anche gioiellini del passato (I'm A Pilot su tutte fa ancora la sua splendida figura) e una ottima versione di Tunguska, uno dei momenti migliori di Room Fillet With Lights.
C'è spazio poi anche per Vostok, I Know You Are Waiting, delicata b-sides e bel momento acustico in un live che ha saputo dimostrare tutta la solidità della band.
Se ci si aggiunge un bel clima generale ed una band serena e compiaciuta, non rimane che augurare ai Fanfarlo un gran bel futuro.


Nessun commento:

Posta un commento

[Live Report] Dear Reader @ Clandestino, Faenza

Il Clandestino, a Faenza, è un posto strano. Da fuori, pare un bar. Un lungo tavolo, sulla sinistra, ne suggerisce chiaramente l'i...